20 Nov

Ricordo quel sapore, forse era diverso, forse succoso e intenso,
tanto che la bocca era come tinta dall’umore rosso dei suoi
semi.
Magari era per la sete o per il desiderio oppure era la vita che
s’ffacciava avida alla soglia, o invece erano i sorrisi
come carezze, sui volti delle donne appena oltre le porte
o gli occhi dentro  cui saresti potuta sprofondare, senza temere
vortici svuotanti.
Erano la mia attesa e l’appartenenza, credo.
Eppure tornava a sera il ragazzetto tutto impolverato
dalla calce tanto che potevi a fatica intuire il biondo dei
capelli, semichiusi gli occhi e d’un azzurro carico come
certi cieli meridionali soltanto.
Stanco si buttava e all’indietro sopra al letto a prendere
carezze dalla madre, un Ciaula ancora più piccolo che
 aveva ben fissata la luna dentro agli occhi.
   

Annunci

17 Risposte to “”

  1. ficundiana novembre 21, 2008 a 4:57 pm #

    sento l’odore dei peperoncini “calavrisi”, il sapore della cipolla di Tropea ,dolce ,saporita .Bello,come al solito, il tuo scritto e ” parlante” il collage ciao terruncella…..

  2. elisnelpaese novembre 22, 2008 a 9:50 pm #

    Occhi azzuri come solo certi cieli meridionali!
    E’ vero.
    Bell’accostamento.

  3. elisnelpaese novembre 23, 2008 a 8:30 am #

    Ida, non importa che tu passi o no da me, è bello leggere ciò che scrivi tu, parole e sentimenti da incorniciare.

  4. perlasmarrita novembre 23, 2008 a 12:13 pm #

    Parole e immagine sono un tutt’uno, in una sinfonia di colori e sapori e suoni che sono, si, di appartenza.
    Un’appartenenza tanto forte che la sento su di me, calabrese anche io, della Sila cosentina.
    Viaggio un po’ tra le tue poesie, Ida:)) è bello sentirsi “a casa” 🙂

  5. IdaKrot novembre 23, 2008 a 3:24 pm #

    Francesca,Tu sei della sila cosentina…io ero, perché risiedo da anni annorum nel veneto, di Crotone,quindi animale marino,mentre mio padre era della provincia di Cosenza.
    Forse proprio per questo l’appartenenza é uno dei temi dei miei collages e delle riflessioni …

  6. nheit novembre 24, 2008 a 5:08 pm #

    rosse atmosfere inviti bronci. dai vieni prova a girare in giostra lascia per una volta l’appartenenza antica .
    ma qualcosa la trattiene piombo nei gesti
    non si conosce ancora o forse celia quella spinta decisa verso l’altro che le colora il viso .
    dai vai ragazza ché l’attimo poi fugge e il rosso è bello di colori lì .un giorno non lontano in altra terra mai sentita tua scriverai “oggi nevica e la terra si è nascosta in un manto che le addice”

  7. majara novembre 24, 2008 a 7:18 pm #

    (quasi fuori argomento. ma non tanto. Sai che una volta, tra antropologi e linguisti, abbiamo fatto una comparazione (scherzosa) – punti focali: la cucina e l’uccisione del maiale – e la cultura più somigliante all’ungherese è risultata quella calabra? Per rievocare certi sapori “nostri” ricorro al vostro salame… Per dire, insomma, che ci lega una “collana” di peperoncini :))

    occhi dentro cui sprofondare senza temere vortici svuotanti
    è tanto bello, sai.

  8. pieroC novembre 25, 2008 a 10:35 pm #

    pezzetti di cielo
    azzurro o nero,
    che fuoriuscirebbero dalle orbite
    se non fossero trattenuti
    dalle palpebre
    o dalle lunghe ciglia tremolanti.
    un abbraccio

  9. IdaKrot novembre 26, 2008 a 11:35 am #

    Neith..e non mi addice!

  10. IdaKrot novembre 26, 2008 a 11:39 am #

    Majara,addirittura !Fu il peperoncino a creare vicinanze e somiglianze..

  11. IdaKrot novembre 26, 2008 a 11:40 am #

    Piero…quanto é vero,ciao compagno instancabile.

  12. nheit novembre 26, 2008 a 9:45 pm #

    “occhi dentro cui sprofondare senza temere vortici svuotanti
    è tanto bello, sai.”
    è tanto bello viverlo se è dato .
    e si va in questo viaggio sempre alla ricerca di occhi che consolano . quando ci sono gli occhi non è più tempo ormai.si è già dannati .
    notte buona Ida dentro la nebbia che avvolge le campagne di lassù. qui c’è tanto freddo e si mischia all’odore di pane e di castagne.la sciarpa intorno al collo già in tre giri

  13. giovanotta novembre 30, 2008 a 6:04 pm #

    Ida, birichina.. era bello il ragazzetto biondo impolverato cogli occhi azzurro carico eh? .. quanti palpiti, come avere una farfalla in cuore e cercare di tenerla ferma..
    un abbraccio grande

  14. nheit novembre 30, 2008 a 7:16 pm #

    “Stanco si buttava e all’indietro sopra al letto a prendere
    carezze dalla madre, un Ciaula ancora più piccolo che
    aveva ben fissata la luna dentro agli occhi”

    Ida tu ci hai pensato vero alla novella che incanta sempre i Ciula in tutti i tempi .

    “Anche quella notte il protagonista trasportava il sacco pieno di zolfo, stravolto per la fatica, ma soprattutto impaurito per il buio che avrebbe trovato uscendo dalla miniera. Quando arrivò in prossimità degli ultimi scalini, tuttavia, con grande stupore si accorse di essere circondato da un lieve chiarore argentato. Sbalordito, non capì: lasciò cadere il sacco dalle spalle e, sollevate le braccia, aprì le mani nere verso la fonte di tale luce, la luna.

    Ciàula sapeva dell’esistenza della luna, ma non si era mai soffermato ad osservarla. Solo ora, sbucando dal ventre della terra, la scoprì veramente. Pieno di ammirazione, si sedette sul sacco appena abbandonato davanti alla buca e restò a guardare l’astro, che gli si stanziava davanti in tutta la sua calma bellezza. E, per questa scoperta, cedette ad un incontenibile pianto liberatorio. Le sue lacrime dimostrarono che lui non è un animale come tutti credevano: l’ammirazione per la bellezza della natura e la capacità di commuoversi sono proprie infatti solo degli uomini”

  15. pieroC novembre 30, 2008 a 9:11 pm #

    “…. l’ammirazione per la bellezza della natura e la capacità di commuoversi sono proprie infatti solo degli uomini”.
    Proprio questo distingue gli uomini dai “bruti”.
    Anche se son convinto che gli animali amano la natura più degli uomini.
    un abbraccio

  16. IdaKrot dicembre 1, 2008 a 8:30 am #

    Ma quello che ora si verifica é che la luna conquista pure “i bruti”forse come il venticello di Roma che aiuta a dare una mano “a farghe dir de sì”?
    nheit,piero?

  17. nheit dicembre 4, 2008 a 9:18 pm #

    questa domanda Ida dice quanto la sai lunga sulla luna di Ciula.
    tutti a rincorrere la luna e come nel cielo del Marocco ad uso dei turisti in comitiva,la luna la si fabbrica con luci pellicole di film. se c’è la luna vera, passa inosservata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: